Dal mondo / America

Commenta Stampa

In vista delle presidenziali del 2012

Obama pessimista sulla sua rielezione alla Casa Bianca

''Tutta colpa della recessione mondiale''

Obama pessimista sulla sua rielezione alla Casa Bianca
01/10/2011, 11:10

WASHINGTON – Grande pessimismo per Barack Obama in vista delle vicine elezioni presidenziali del 2012.
Il Presidente degli Stati Uniti d’America  durante una cena elettorale, in una casa privata di Georgetown, ha messo in allerta i suoi sostenitori: "La mia rielezione sarà dura a causa della recessione mondiale e l'unico modo per essere rieletto è fare in modo che tutti voi vi impegnate a questo scopo. Spero che siate pronti a un anno di duro lavoro".
Previsione non tanto lontana dalla realtà quella pronunciata da Barack, infatti, secondo una sondaggio del Rasmussen Report, alle prossime elezioni presidenziali, sarà un duello testa a testa, fino all’ultimo voto, con il governatore del New Jersey Chris Christie.
Il sondaggio elettorale pone il politico repubblicano al 43 per cento dei voti contro i 44 di Barack Obama, in un ipotetico confronto diretto verso la Casa Bianca.
Christie, figlio di padre irlandese e madre siciliana, nega da mesi di voler buttarsi nel campo affollato dei candidati alle primarie repubblicane e ripete di non sentirsi pronto né politicamente (è al governo dello stato solo dal 2010) né personalmente (la moglie Mary Pat è contraria a mettere la famiglia sotto lo stress di una campagna elettorale).
Ma una fonte vicina al governatore ha detto al Newark Star-Ledger, giornale meglio informato sulle vicende politiche dello stato di fronte a Manhattan, che Christie ci sta ripensando e una decisione sarà resa nota nel giro di qualche giorno.
I tempi per un'eventuale entrata in corsa di Christie comunque si stringono dopo che lo stato della Florida ha deciso di anticipare le primarie repubblicane al 31 gennaio 2012, scombussolando così il calendario della campagna repubblicana e rendendo imperativo che il quadro dei candidati venga definito almeno un mese prima del previsto. Secondo gli osservatori della politica americana, lo scopo di anticipare le elezioni da parte dello stato della Florida, è dovuto al fatto che negli stati dove si vota per primi, si finisce per esercitare un’influenza sproporzionata sul seguente processo elettorale.

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©