Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il presidente Usa: “Non ho pazienza con chi nega la storia”

Obama sfida Ahmadinejad: “Dovrebbe vedere Buchenwald”


Obama sfida Ahmadinejad: “Dovrebbe vedere Buchenwald”
05/06/2009, 18:06

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha visitato oggi il campo di sterminio di Buchenwald, in Germania, dove furono uccise oltre 56mila persone. Affiancato dal cancelliere tedesco, Angela Merkel, dal premio Nobel per la Pace Elie Wiesel (sopravvissuto alla prigionia proprio in quel campo) ed il presidente del Comitato internazionale dei prigionieri di Buchenwald-Dora, il francese Bertrand Herz, Obama ha ricordato l’orrore dell’Olocausto ed ha fatto notare che ancora oggi, malgrado le prove evidenti, esistono ancora persone che “negano che l’Olocausto sia mai avvenuto”. L’allusione, chiara, è al presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. “Non ho pazienza con chi nega la storia, - ha detto Obama, - e la storia dell’Olocausto non ha nulla di ipotetico”. Questa settimana, per l’ennesima volta, il leader di Theran si era lasciato andare a dichiarazioni negazionisti, definendo il genocidio di sei milioni di ebrei “il grande inganno”.

I quattro, durante la visita al campo nazista, hanno reso omaggio alle vittime ponendo in terra delle rose bianche. Obama è arrivato in elicottero da Dresda, la città che nel febbraio 1945 fu rasa al suolo dagli alleati, poche settimane prima della fine del secondo conflitto mondiale.

Domani il presidente degli Stati Uniti sarà in Normandia, per celebrare il 65esimo anniversario dello sbarco alleato.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©