Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ha nominato Biden alla guida di una task force ad hoc

Obama, svolta storica: "Stop alla vendita di armi d'assalto"

Entro fine gennaio il presidente vuole proposte concrete

Obama, svolta storica: 'Stop alla vendita di armi d'assalto'
19/12/2012, 18:46

WASHINGTON - Barack Obama ha nominato il vicepresidente Joe Biden capo del team dell'amministrazione che dovrà formulare una proposta per cambiare la legge sul diritto alle armi, a partire dalla reintroduzione del divieto alla vendita delle armi d'assalto. Il presidente ha spiegato che vuole una bozza di testo entro la fine di gennaio. Obama ha spiegato che si attende dal team di Biden “proposte concrete” per porre un freno alle violenze legate all'uso delle armi e che una volta ricevuta una bozza la presenterà “senza ritardi” al Congresso entro gennaio. Il presidente, fino al massacro di Newtown estremamente prudente e restio ad intervenire sul politicamente delicato tema del controllo delle armi, nonostante i numerosi massacri che hanno insanguinato il Paese nel corso dell'anno, ha riconosciuto che il problema è complesso, ma, “tutti noi, dobbiamo sentirci profondamente obbligati a provarci”. Obama ha spiegato che con il massacro di Newtown le cose sono cambiate e lo è anche la propensione degli americani sulle armi: “Stavolta dalle parole si deve passare ai fatti”. Il presidente, tra l'altro, ha confermato di voler ristabilire il divieto alla vendita della armi d'assalto, come il fucile usato da Adam Lanza, il killer di Newtown, il Bushmaster Ar-15 (versione civile del letale M-16, l'arma standard delle truppe Usa a partire dalla Guerra del Vietnam). Divieto introdotto nel 1994 dall'allora presidente democratico Bill Clinton e scaduto nel 2004, durante il primo mandato del repubblicano Georgte W. Bush, ma che lo stesso Obama si è ben guardato finora dal riproporre. Il presidente ha ribadito di credere nel II emendamento della Costituzione, l'anacronistica norma che consente a tutti i cittadini americani di possedere armi, ma si è detto convinto che non possa essere permesso, “ad uno squilibrato di avere un fucile d'assalto militare”. Per Obama oltre ai divieti e gli obblighi serve una nuova cultura, diffusa anche “tra quanti posseggono armi”. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©