Dal mondo / America

Commenta Stampa

Misura anticrisi che potrebbe colpire fino a 50 istituti

Obama: “Tassa di responsabilità per le banche Usa”


Obama: “Tassa di responsabilità per le banche Usa”
14/01/2010, 19:01

NEW YORK - “Una tassa di responsabilità” per le banche: è la proposta del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama con l’obiettivo di recuperare "ogni singolo centesimo" dei contribuenti americani. La nuova misura anticrisi riguarderà le più importanti istituzioni finanziarie degli Stati Uniti, quelle con asset superiori ai 50 miliardi di dollari che hanno usufruito dei fondi statali durante la crisi. Oggi nel corso di una conferenza stampa il presidente Obama ha chiarito le ragioni della speciale tassa attraverso la quale si punta a recuperare fino a 120 miliardi di dollari.  “L’obiettivo - ha detto il presidente degli Stati Uniti - è quello di aiutare a recuperare i soldi investiti nel piano di salvataggio del sistema finanziario e ridurre il deficit fiscale che pesa sul bilancio federale”. Tassare le banche per recuperare soldi.
“La mia determinazione - ha spiegato Obama - a raggiungere questo obiettivo è solo rafforzata quando vedo gli enormi profitti delle banche, pensando che questi istituti finanziari devono la loro esistenza al popolo americano, che a questa recessione continua a far fronte con problemi reali”. Dura la critica del presidente nei confronti degli istituti finanziari che devono prendersi le loro responsabilità. “Non spendete soldi per avvocati - ha tuonato Obama  - ma restituite i vostri bonus, non lottate contro le riforme ma prendetevi le vostre responsabilità. Questo è l’unico vero modo per superare questo momento di turbolenza”. Una convinzione rafforzata da quelli che il presidente ha definito "bonus osceni" che gli istituti si apprestano a distribuire ai dipendenti. La Casa Bianca ancora non ha ultimato la struttura definitiva del progetto. I dettagli del piano saranno contenuti nella manovra di bilancio 2011 che Obama presenterà al Congresso il mese prossimo. Non si è fatta attendere la risposta dei banchieri che sostengono di aver rimborsato per intero o di essere in procinto di farlo, tutti i prestiti elargiti nell’ambito Tarp, il pacchetto di aiuti approvato l'anno scorso dal Congresso

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©