Dal mondo / America

Commenta Stampa

Saranno affidati ad un gruppo speciale con sede all’Fbi

Obama toglie gli interrogatori alla Cia e vieta le violenze


Obama toglie gli interrogatori alla Cia e vieta le violenze
24/08/2009, 19:08

D’ora in poi non sarà più compito dei servizi segreti interrogare i terroristi. Un portavoce di Barack Obama ha oggi annunciato, infatti, che il delicato compito sarà affidato invece ad un gruppo speciale di esperti con sede all’Fbi, la polizia federale, sotto il controllo della Casa Bianca. Una rivoluzione non da poco, se si considera, inoltre, che qualsiasi forma di violenza verrà bandita: l’Hig value deteness interrogators group, che sarà diretto da un funzionario dell’Fbi e includerà membri dell’intelligence, non potrà ricorrere a violenza né psicologica né fisica nei confronti dei terroristi.
Malgrado la decisione di Obama, nei prossimi mesi potrebbero venire alla luce nuovi casi di abusi e torture perpetrati da Cia e Pentagono durante gli interrogatori dei detenuti nelle guerre in Iraq ed Afghanistan, causa di scandali come quello delle carceri di Abu Ghraib. La Direzione etica del Ministero, infatti, ha sollecitato l’apertura di una inchiesta in proposito, inchiesta che già era stata bloccata, in passato, dal presidente Bush. A febbraio Obama si dichiarò contrario ad una inchiesta del genere, spiegando che potrebbe provocare un nuovo scandalo con effetti disastrosi sul programma di riforme Usa. Ciononostante, il presidente statunitense ha fatto sapere che non ha intenzione di interferire: “Il Ministero della giustizia, - ha dichiarato il suo portavoce, - è indipendente e la decisione spetta solo al ministro Holder”.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©