Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ripresa ostacolata dal sistema bancario

Ocse: Italia unico Paese del G7 ancora in recessione

Tassi interesse più elevati rispetto altri Paesi d’Europa

Ocse: Italia unico Paese del G7 ancora in recessione
19/11/2013, 11:55

PARIGI - L'Italia, si legge nell'Economic Outlook dell'Ocse, resta l'unico Paese del G7 ancora in recessione. In Italia, ''la ripresa prevista potrebbe essere ostacolata se le condizioni del sistema bancario restringeranno il credito e interromperanno il normale ciclo degli investimenti''. Nel nostro Paese,  spiega l'organizzazione ,  ''il prestito bancario ha continuato a contrarsi, in parte a causa della domanda ridotta di credito. Ciononostante, i tassi d'interesse applicati sono significativamente più elevati che in alcuni altri Paesi dell'eurozona, cosa che suggerisce che anche la disponibilità di prestiti sia limitata, riducendo gli investimenti e forse i consumi''.  Il miglioramento dei conti italiani sul fronte del deficit ''è stato sostanziale nel 2013'' ma ''con un rapporto debito-Pil ancora in aumento, ci sarà bisogno di una stretta di bilancio intensa almeno quanto programmato nel 2014-15''. Per l'Ocse, il deficit dell'Italia scenderà dal 3% nel 2013 al 2,8% nel 2014 e al 2% nel 2015. Il debito continuerà invece a crescere, dal 132,7% del Pil nel 2013 e al 133,2% nel 2014, e solo nel 2015 comincerà a calare, al 132,6%.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©