Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il bersaglio era Zuhir al Qaisi, ucciso da un razzo

Offensiva israeliana su Gaza: 14 morti per uccidere una persona


Offensiva israeliana su Gaza: 14 morti per uccidere una persona
10/03/2012, 14:03

GAZA (PALESTINA) - Ancora una volta, Israele decide un attacco massiccio per eliminare una sola persona, incurante delle vittime civili che provocherà. L'obiettivo questa volta era Zuhir al Qaisi, il leader dei Comitati di Resistenza Popolare (considerati i responsabili del rapimento del soldato Gilad Shalit, liberato msi fa), ucciso ieri pomeriggio da due razzi sparati da un elicottero mentre era in macchina con il suo collaboratore e una terza persona. La risposta palestinese non si è fatta attendere: 40 razzi Qassam sono stati sparati contro le città nel sud di Israele, facendo tre feriti leggeri, che sono stati medicati e mandati a casa, ed uno più serio, che è stato operato per eliminare alcune schegge che l'avevano ferito all'addome. A quel punto sono partiti gli aerei con la stella di David, che hanno sganciato diverse bombe sull'abitato. Il bilancio è tragico, ancorchè provvisorio: 11 civili morti ed almeno 25 feriti.
E non è finita qui, perchè gli attacchi aerei continuano. Poco fa un altro attacco è stato condotto nei pressi del cimitero di Gaza; obiettivo, impedire i funerali o quanto meno cercare di colpire chi ci partecipa. Per fortuna nessun morto, ma 4 persone che stavano seppellendo un loro caro sono rimasti feriti gravemente dalle schegge. Mentre si moltiplicano le segnalazioni di arei F-16 israeliani che sorvolano Gaza, probabilmente alla ricerca di altri obiettivi da colpire.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©