Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'uomo è in galera per rapina e sequestro di persona

O.J. Simpson chiede la grazia: "Ho un tumore al cervello"


OJ Simpson durante il processo
OJ Simpson durante il processo
03/01/2014, 19:39

USA - L'ex campione di football americano ed ex attore O.J. Simpson, da quattro anni detenuto in carcere con le accuse di rapina a mano armata e sequestro di persona, ha scritto una lettera al Presidente Barack Obama in cui chiede la grazia. Simpson ha riferito nella lettera di essere ammalato di un tumore al cervello e quindi ha chiesto di non morire in carcere. 
Secondo il National Enquirer, Simpson ha manifestato i sintomi tipici di chi ha il cancro al cervello: mal di testa, amnesie, spaesamento. Anche se per un certo periodo ha cercato di tenerlo nascosto. Il suo avvocato invece ha detto di non saperne niente.  
O.J. Simpson fu un campione del football nei San Francisco 49ers e nei Buffalo Bills. Finita la carriera di giocatore,  ebbe una parte in alcuni film con Leslie Nilsen (la serie "Una pallottola spuntata") e in un telefilm su una squadra di football americano gestita da una donna. 
Ma la sua notorietà giunse al massimo con episodi di cronaca nera: prima venne coinvolto nell'omicidio della sua ex moglie Nicole e del suo fidanzato, ma dal processo uscì assolto. Poi la rapina e il sequestro di persona, reato per cui fu condannato a 33 anni di reclusione, con prima udienza per il rilascio dal carcere (per andare agli arresti domiciliari) fissato nel 2018.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©