Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

A dirlo, il pm. La sentenza il 5 novembre

Olanda: parole di Wilders non instigano all'odio


Olanda: parole di Wilders non instigano all'odio
15/10/2010, 18:10

AMSTERDAM - Geert Wilders, deputato di estrema destra e leader del partito xenofobo olandese, non e' colpevole di incitazione all'odio razziale verso i musulmani. A stabilirlo, il procuratore di Amsterdam Birgit van Roessel, durante la sua requisitoria in tribunale. “La critica verso una religione è possibile” – ha detto –“ e' autorizzata fino a quando non sfocia in incitamento all'odio verso coloro i quali la praticano''. Wilders, infatti, aveva paragonato l’Islam al nazismo e aveva chiesto di vietare il Corano.
Il procuratore ha però aggiunto che le sue parole non hanno acuito gli scontri tra musulmani e non musulmani, e che “i sentimenti del gruppo non devono avere nessun ruolo nella valutazione penale dei fatti”.
La sentenza contro il leader olandese è prevista per il prossimo 5 novembre. Se condannato, il politico rischia fino ad un anno di carcere ed una multa.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©