Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Un messaggio chiaro rispetto all'omofobia di Putin

Olimpiadi Sochi: Obama manda B.J.King, icona gay


Billie Jane King quando giocava ancora a tennis
Billie Jane King quando giocava ancora a tennis
18/12/2013, 10:19

SOCHI (RUSSIA) - Mancano solo due mesi all'inizio delle Olimpiadi invernali che si terranno a Sochi, in Russia. E tra i preparativi c'è la nomina dei rappresentanti dei vari Stati. Con gli Usa che hanno fatto una scelta che è un ceffone per Putin: Barack Obama non sarà presente alla cerimonia di apertura, nè ci sarà alcun membro del governo. E' stata invece nominata rappresentante degli Usa Billie Jane King: ex campionessa di tennis, componente del President's Council on Fitness, Sports and Nutrition, ma soprattutto gay dichiarata. Un chiaro messaggio all'omofobia dichiarata da Putin. Messaggio che raddoppia se si pensa che a chiudere la manifestazione olimpica è stata nominata come portabandiera Caitlin Cahow: componente della squadra di hockey su ghiaccio e anche lei gay dichiarata. Insomma, se si voleva essere più chiari sulle intenzioni di Obama, c'era solo da mandare un esplicito messaggio ai giornali. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©