Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Un soldato è stato ucciso a colpi di machete da due giovani

Omicidio a Londra. Gli assassini sono britannici

I due killer si sono convertiti poco prima all'Islam


La scena dell'omicidio a Woolwich Street
La scena dell'omicidio a Woolwich Street
23/05/2013, 08:15

LONDRA (INGHILTERRA) - Brutale omicidio a Londra: due ragazzi (che i testimoni hanno definito "impazziti" e "sembravano animali") hanno aggredito un soldato a poca distanza dalla propria caserma di  Woolwich Street, armati di machete. Il soldato è stato colpito dal machete diverse volte, fino ad essere decapitato. Quando sono arrivati i poliziotti hanno estratto le pistole e hanno fatto fuoco, ferendo entrambi. Poi li hanno ammanettati e portati in ospedale, ma uno dei due è in gravi condizioni. 
Secondo i testimoni, i due si sono preoccupati, prima dell'aggressione, di chiedere ai presenti di filmarli e si sono gettati addosso al soldato gridando "Allah Akbar" ("Allah è grande"). 
Secondo le autorità, si potrebbe trattare di un attentato terroristico di matrice islamica. Per questo il Ministro degli Interni Theresa May ha convocato il "Cobra", il comitato di emergenza del governo. Restano tuttavia numerosi punti oscuri, sulla vicenda. 
Nel video allegato, la Itv intervista uno degli aggressori prima dell'intervento della Polizia 


AGGIORNAMENTO DELLE ORE 08:15 A CURA DI EMANUELE DE LUCIA 

Fonti investigative citate dall'agenzia Reuters hanno confermato un legame con la Nigeria dei due ragazzi accusati di aggressione e omicidio del soldato britannico. I killer sono entrambi britannici, ma uno dei due ha origini nigeriane. Prima che la Reuters acquisisse queste informazioni, era circolata un'indiscrezione su Twitter, dove un presunto conoscente aveva individuato uno dei due killer come Michael Adeboloja, giovane di origine nigeriana trapiantato a Londra, che avrebbe cambiato il suo nome in 'Mujahid', dopo essersi convertito dal cristianesimo all'Islam.
La prima ipotesi di attacco terroristico sembra far spazio all'idea che si è trattato di due esaltati, ma le indagini stanno ancora cercando di far luce su quanto avvenuto. In un primo momento lo stesso premier David Cameron aveva detto che "ci sono forti indicazioni che sia un atto legato a terrorismo. Abbiamo già avuto questo genere di attacchi in Gran Bretagna, ma non ci siamo mai piegati. I terroristi non vinceranno mai". Senza escludere la matrice terroristica, gli investigatori stanno vagliando tutte le ipotesi possibili.

 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©