Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il Cancelliere duro sull'ipotesi di autonomia fiscale

Osborne avverte la Scozia: no alla sterlina se indipendente


Osborne avverte la Scozia: no alla sterlina se indipendente
22/04/2013, 18:09

LONDRA - George Osborne bacchetta la Scozia: il cancelliere dello Scacchiere britannico ha avvertito il Governo di Edimburgo che se lascerà il Regno Unito non potrà mantenere la sterlina ma dovrà entrare a far parte dell'eurozona oppure trovarsi una nuova valuta. Restare nell'unione economica e politica con Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord è la condizione per mantenere la sterlina.Domani il Governo inglese presenterà ufficialmente la sua posizione sulle ipotesi indipendentiste della Scozia, che potrebbero avverarsi dall’esito del referendum indetto dal governo di Edimburgo per il 18 settembre del 2014, sulla spinta propulsiva del SNP, il partito nazionalista al potere.
Attraverso una lettera aperta redatta assieme al sottosegretario al Tesoro Danny Alexander, che è scozzese, Osborne afferma che “un'unione monetaria formale puó funzionare solo con un'unione economica e politica. Questa é una delle grandi contraddizioni nelle proposte economiche dell'Snp: esigere piena autonomia fiscale da un lato, ma dall'altro chiedere un patto fiscale. Non ha senso”.

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©