Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il nuovo proprietario di casa fa la macabra scoperta

Otto neonati seppelliti in giardino


Otto neonati seppelliti in giardino
29/07/2010, 10:07

DOUAI (FRANCIA) - Nel giardino di un'abitazione a Villers-au-Tertre, piccolo villaggio di 700 abitanti non molto lontano da Douai, nel nord della Francia, sono stati ritrovati i cadaveri di otto neonati.
La terribile scoperta è stata fatta sabato scorso dal nuovo proprietario dell'abitazione. L'uomo, mentre stava scavando in giardino per effettuare dei lavori, appena al di sotto della superficie del prato ha trovato dei sacchi contenenti ossa, dei piccoli scheletri; immediatamente ha chiamato la polizia, e gli inquirenti hanno confermato che si tratta di resti umani (precisamente di neonati uccisi appena dopo il parto) risalenti anche ad una decina di anni fa. La polizia, dunque, si è precipitata dai precedenti proprietari dell'abitazione, presunti artefici di quel giardino degli orrori. Si tratta di una famiglia definita "normale" dalla gente del luogo: marito e moglie entrambi di 45 anni, lui consigliere regionale, lei aiuto infermiera, e le due figlie adulte, entrambe già madri. Vivono in una casa ben arredata, anch'essa con il giardino, a distanza di un chilometro dall'abitazione della macabra scoperta. Anche nel nuovo giardino sono stati scoperti sacchi, ossa, orrore. E' bastato poco per far confessare alla donna i reati commessi; lei stessa ha ammesso che questa storia va avanti dal 1998, anno in cui iniziò a soffocare e seppellire i propri figli, una dozzina in tutto, per nascondere al marito le gravidanze indesiderate.
I due coniugi sono stati arrestati.
L'intero paese è sotto choc. Nulla poteva far pensare che quella coppia così "disponibile, educata, gentile, che non lasciava sospettare nulla di simile", potesse nascondere un segreto del genere. Se confermato dagli inquirenti, questo è il caso di infanticidio più grave che si sia verificato in Francia negli ultimi trent'anni.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©