Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Il presidente Zardari potrebbe concederle la grazia

Pakistan, Asia Bibi confessa di essere stata stuprata


Pakistan, Asia Bibi confessa di essere stata stuprata
22/11/2010, 15:11

Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte per aver commesso il reato di blasfemia, ha riferito a Salman Taseer, governatore del Punjab, di essere stata stuprata dai suoi accusatori.
Lo stupro sarebbe avvenuto prima di essere denunciata e consegnata alla polizia. Intanto gruppi di estremisti islamici, minacciano di ucciderla nel caso venisse liberata. Infatti, si attende che il presidente pakistano possa concederle entro 24 ore la grazia. Ciò comporterebbe l’immediato rilascio senza la necessità di ricorrere ad alcun processo di appello. La data della prima udienza non è stata ancora fissata.
A Lahore attivisti per i diritti umani “All Pakistan Minorities Alliance” (Apma), guidati da Najimi Saleem, sono scesi in strada per manifestare contro la legge sulla blasfemia e per la libertà di Asia Bibi.
“Le minoranze religiose in Pakistan sono minacciate da continue violenze. Asia Bibi non ha commesso alcun crimine e merita la libertà”, ha dichiarato Saleem.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©