Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Uno dei peggiori attentati nel Paese musulmano

Pakistan: attaccate due moschee, 80 morti, oltre 1000 ostaggi


Pakistan: attaccate due moschee, 80 morti, oltre 1000 ostaggi
28/05/2010, 16:05

LAHORE (PAKISTAN) - Mattinata di sangue, in Pakistan. Due gruppi armati hanno attaccato i fedeli all'uscita di due moschee di Lahore, il centro culturale più importante del Pakistan, dopo la preghiera del venerdì. Una delle moschee si trova nel quartiere di Ghari Shahu, l'altra nel quartiere di Model Town. In ciascuno dei due casi un kamikaze si è fatto esplodere tra i fedeli mentre uscivano, dopo di che gli altri appartenenti al commando hanno cominciato a far fuoco. Alla fine il bilancio, ancora provvisorio, sarà di oltre 80 morti e di diverse centinaia di feriti. I commando poi hanno imprigionato per quasi due ore oltre 1000 persone - secondo altre fonti erano 3000 - dentro le moschee. Ma è intervenuto l'esercito pakistano, che è riuscito a liberare gli ostaggi. Pare che i membri dei commando siano stati uccisi quasi tutti, tranne due che sono stati feriti e catturati.
In base alle prime ricostruzioni, sembra che le due moschee appartenessero alla setta Ahmadi, che è in conflitto con i musulmani sciiti. E di conseguenza si sospetta che l'attentato sia stato organizzato da qualche gruppo estremista sciita; secondo alcune fonti sarebbe stato organizzato dai talebani, ma non si sa ancora con certezza.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©