Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Almeno di 30 morti e 50 feriti il bilancio

Pakistan: attentato kamikaze durante processione Ashura


Pakistan: attentato kamikaze durante processione Ashura
28/12/2009, 20:12

Non conosce pace il Pakistan, dilaniato dai continui attacchi terroristici e sempre più incapace di garantire sicurezza ai propri abitanti. Dopo i 5 morti causati da un attentato suicida lanciato contro un posto di blocco nella citta di Peshawar; poco distante dall'affollatissima Mall Road, ad essere colpita è stata Karachi; capitale commerciale del paese asiatico. Durante la poderosa processione per cerebrare la festa religiosa dell'Ashura, si è infatti verificato un altro attentato kamikaze che ha causato 30 morti e 50 feriti.
In pratica, durante la manifestazione, si è udita una forte esplosione, seguita da diversi spari. Da li il panico completo con diverse persone morte per schiacciamento a causa della folla. Folla che, inferocita, ha aggredito anche le forze dell'ordine e dato fuoco a circa quaranta auto. Atti di vandalismo e violenza si sono susseguiti fino ad oggi pomeriggio e, la situazione nella città, è ancora molto tesa e difficile da controllare per le autorità. Anche alcuni uffici governativi sono stati attaccati e dati alle fiamme subito dopo l'attentato. La processione, poi, nostante le urla di paura e di dolore della gente, non si è fermata e si sposatata in un'altra zona della città; con alcuni partecipanti che hanno aggredito i responsabili della sicurezza; accusati di non essere stati capaci di evitare l'attentato.
Eppure, sul luogo della strage, erano presenti moltissimi agenti e paramilitari, come conferma anche Il ministro dell'interno,
Rehman Malik. Nonostante gli inviti al governo alla calma, Karachi è una città fuori controllo; simbolo di uno stato ancora in balia dei torriristi.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©