Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

E' stato accusato di tradimento

Pakistan: condanna a 33 anni per il medico che trovò bin Laden


Pakistan: condanna a 33 anni per il medico che trovò bin Laden
23/05/2012, 16:05

KHYBER (PAKISTAN) - Shakeel Afridi, medico pakistano, è stato condannato dal tribunale di Khyber a scontare 33 anni di prigione. La sua colpa, secondo il tribunale, è il tradimento: ha aiutato la Cia a trovare l'ex leader di Al Qaida Osama bin Laden. L'ha fatto sfruttando proprio il suo ruolo di medico: organizzò una campagna di vaccinazione ad Abbottabad, in modo da entrare in confidenza con la popolazione locale ed acquisire informazioni che poi furono utili ai Navy Seals per l'operazione che portò all'uccisione di bin Laden.
Afridi, che ora è in carcere, ha la possibilità di appellarsi alla sentenza ed essere giudicato non da un Tribunale tribale, come quello che l'ha giudicato (quindi con una giurisprudenza basata per lo più su usi e costumi), ma da un Tribunale odinario, che segue le leggi del Pakistan.
Ma questa decisione rinfocola lo scontro diplomatico tra il Pakistan e gli Usa, con il primo che accusa i secondi di aver organizzato l'attacco ad Abbottabad senza avvisare il governo pakistano e compiendo quindi un atto di guerra contro l'intero Paese.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©