Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Dubbi sulla politica antiterroristica del paese islamico

Pakistan: doppio attentato a Karachi


Pakistan: doppio attentato a Karachi
05/02/2010, 22:02

KARACHI – Mattinata di terrore in Pakistan. 12 morti e 40 feriti è il bilancio di esplosione di una bomba contro dei fedeli sciiti su un autobus affollato a Karachi. Altre 13 persone sono rimaste uccise più tardi in un nuovo attentato nell'ospedale dove erano stati portati i feriti della prima bomba
La prima esplosione sarebbe stata provocata da un attentatore suicida a bordo di una moto mentre la seconda bomba è stata lanciata proprio in mezzo alle ambulanze dell’ospedale.
Ma le modalità degli attentati non sono ancora state chiarite dalle forze dell’ordine.
Non è chiaro nemmeno il movente. Infatti non si sa se l'attentato fosse teso a scatenare ulteriormente la violenza settaria o se fosse rivolto a sottolineare l'incapacità del governo nel rendere stabile il paese.
La polizia ha anche parlato di una terza bomba disinnescata nei pressi dell'ospedale di Karachi.
"Una bomba era posizionata accanto ad una postazione televisiva. Ma noi l'abbiamo disinnescata con successo", ha detto Ghulam Nabi Memon, un dirigente della polizia locale.
L'attentato avvenuto in una delle strade principali di Karachi, capitale commerciale del Pakistan, sembra destinato a sollevare dubbi sull'efficacia delle operazioni contro i ribelli talebani sostenuti da al Qaeda, in un momento in cui Washington vuole che il Pakistan contribuisca alla stabilizzazione del vicino Afghanistan.
I talebani pakistani hanno condotto attentati in mercati affollati e contro strutture dell'esercito e delle forze di polizia, uccidendo centinaia di persone dallo scorso ottobre nel tentativo di rovesciare il governo filo-americano dell'impopolare presidente Asif Ali Zardari.

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©