Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Mercoledì prossimo l’anniversario del blitz di Abbottabad

Pakistan: trasferiti a Gedda i familiari di Osama bin Laden

Si tratta delle tre vedove e di undici suoi figli

Pakistan: trasferiti a Gedda i familiari di Osama bin Laden
27/04/2012, 14:04

GEDDA - La famiglia di Osama bin Laden ha definitivamente lasciato il Pakistan per essere trasferita in Arabia Saudita. Si tratta delle tre mogli dello sceicco del terrore, e di undici figli, saliti alla ribalta della cronaca in seguito all’uccisione del leader di Al Qaeda, un anno fa circa ad Abbottabad, per mano dei Navy Seals. Dopo quel famoso raid del 2 maggio dello scorso anno, le tre vedove erano detenute dalle forze di sicurezza pakistane per scontare la pena per ingresso illegale nel Paese.
Il loro trasferimento in Arabia Saudita, a Gedda, mette così fine al capitolo che si era aperto con il loro arresto: è stato un minibus a prelevare i familiari di bin Laden dalla loro casa di Islamabad, in cui erano rimasti agli arresti domiciliari, e ad accompagnarli in aeroporto dove sono stati imbarcati su un charter giunto poche ore dopo a Gedda. Alcuni agenti hanno protetto le donne perché non fossero riprese dai cameramen e fotografi in attesa. Le autorità pakistane, che avevano già demolito il covo di bin Laden, sperano con questa espulsione di mettersi definitivamente alle spalle il blitz di cui mercoledì prossimo cadrà il primo anniversario e che sollevò molti interrogativi sulle coperture di cui il terrorista più ricercato del mondo godeva nel Paese.
Un portavoce del ministro dell’Interno pakistano ha spiegato che erano stati gli stessi familiari di Osama a indicare l’Arabia Saudita per il loro trasferimento. L’ambasciata yemenita a Isalamabad ha inoltre riferito che la vedova yemenita di bin Laden, Amal al-Sadeh, si trasferirà successivamente in Yemen insieme ai figli. Non è da escludere l’ipotesi che, una volta fuori dal Pakistan, i familiari di bin Laden potrebbero rivelare particolari sulla sua latitanza nel Paese, durata anni.
Intanto, l’attenzione mediatica è puntata sull’anniversario dell’uccisione di bin Laden, che cadrà mercoledì prossimo: l’Ambasciata statunitense in Pakistan ha ordinato ai propri funzionari di non frequentare mercati o ristoranti a Islamabad in prossimità di questo primo importante anniversario.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©

Correlati