Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Nella zona tribale ancora paura

Pakistan,attacco kamikaze sede governativa:50 morti


Pakistan,attacco kamikaze sede governativa:50 morti
06/12/2010, 20:12

Sono morte 50 persone in seguito all’attacco dei due kamikaze a un edificio del governo a Ghalalnai, nel nord-ovest del Pakistan, vicino al confine con l'Afghanistan. Il nuovo bilancio e' stato fornito dall'emittente "Dawn.com". I due attentatori suicidi in moto hanno attaccato un palazzo in cui era in svolgimento una riunione politica di leader tribali ed esponenti della milizia anti-talebani del distretto di Mohmand, nella zona tribale di confine tra Afghanistan e Pakistan all'indomani di un accordo stretto a Kabul dai due Paesi per combattere il terrorismo islamico. Tra le vittime ci sono diversi leader tribali e capi di milizie anti talebane che stavano partecipando a una ''jirga'' di pace sponsorizzata dal governo di Islamabad. L'attacco e' stato rivendicato da un sedicente portavoce talebano, che ha minacciato le ''lashkar'', i gruppi armati locali filogovernativi che combattono a fianco dell' esercito. Il massacro rappresenta un macabro avvertimento contro il nuovo asse pachistano-afghano e contro l'impegno a sradicare i gruppi talebani attivi sui due versanti del confine. Tra le vittime ci sono anche due cineoperatori pachistani. Gli altri ''sono membri del Comitato per la pace della zona appartenenti alle tribu' Khwazai e Safai'' come ha riferito l'agenzia di stampa App.
La notte scorsa gli estremisti islamici hanno distrutto la notte scorsa con l'uso di esplosivi due scuole elementari nella zona tribale denominata Bajaur Agency al confine con l'Afghanistan.  Secondo informazioni fornite dalla polizia, si è trattato di una scuola femminile ed un'altra maschile. Secondo il quotidiano The Nation negli ultimi due anni circa 250 istituti scolastici sono stati distrutti dai fondamentalisti nelle zone tribali di confine.
Di queste, un centinaio di scuole sono state distrutte in Bajaur, 86 nella Khyber Agency e 59 nella Mohmand Agency

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©