Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Monito del ministro Cécile Duflot

Parigi:“La Chiesa deve aprire le porte ai senza tetto”


Parigi:“La Chiesa deve aprire le porte ai senza tetto”
06/12/2012, 11:13

PARIGI – L’emergenza freddo per i senzatetto crea polemica e dissidi tra la Chiesa ed il Governo. 
Istituti religiosi, palazzi storici e centri spirituali di proprietà di preti e suore, sono al centro del dibattito portato alla luce dal Ministro Cécile Duflot . 
Quest’ultima ha proposto di requisire, entro la fine dell'anno, alcuni edifici appartenenti ai religiosi affinché si possa offrire riparo a migliaia di senzatetto che rischiano la loro vita, durante l'inverno. 
Il Ministro, in un’intervista, ha così specificato : “Voglio ben sperare che non sarà necessario dare prova di autorità non riuscirei a comprendere sela Chiesa mostrasse di non condividere i nostri obiettivi di solidarietà”, dopo la lettera inviata dallo stesso Ministro al monsignor André Vingt-Trois. 
Intanto, non mancano le reazioni sia della destra sia da parte della diocesi di Parigi che, alla proposta avanzata dalla Duflot , ha così risposto: “La Chiesa non ha atteso le minacce di requisizioni agitate dal ministro Duflot per prendere iniziative”, aggiungendo che è una consuetudine, che dura da cinque anni, da parte della Chiesa di aprire le porte delle sue parrocchie per arginare l’emergenza clochard. Tuttavia, è stato puntualizzato: “Ci sono congregazioni religiose che non sono in grado di ospitare i clochard e non è facile chiedere a 10 suore ultrasettantenni di aprire le porte della loro casa”. 
Forse ad esacerbare gli animi altre questioni relative al matrimonio e
all' adozione per gli omosessuali. Tuttavia, la richiesta ed il provvedimento annunciati dal Ministro restano sempre gli stessi: “Ogni giorno 1.500 richieste di aiuto restano senza risposta. Se è necessario, come sembra probabile, procederemo con le requisizioni”.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©