Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Le vittime erano cattolici clandestini

Pechino: prete e suora uccisi a coltellate


Pechino: prete e suora uccisi a coltellate
07/07/2010, 16:07

PECHINO - I cadaveri di un prete e una suora sono stati trovati nella casa per anziani dove svolgevano il loro lavoro. Le due vittime erano fedeli cinesi della Chiesa cattolica "clandestina" che riconosce il Papa e non Pechino, come autorità. E' accaduto a Wuhai, nella provincia cinese della Mongolia interna. I due religiosi sono stati uccisi a coltellate nei locali per anziani della chiesa locale.
Quando alle 6.30 di ieri mattina nessuno li ha visti a messa, i colleghi dell'ospizio allarmati li hanno cercati nelle loro stanze. Amara la scoperta: padre Zhang e suor Wei erano riversi nel sangue senza vita. Laogai Research Foundation Italia Onlus ha dato la notizia, confermata dalla polizia locale. Zhang Shulai, 55 anni, è stato assassinato con sette coltellate, invece suor Wei Yanhui, 32 anni, con una sola al petto. Suor Wei, originaria della Mongolia interna, aveva preso i voti nel 2001 ed era la direttrice della casa di riposo. Padre Zhang, sacerdote dal 1985, invece, proveniva dalla diocesi di Xianxian (Hebei). I cattolici clandestini, non iscritti all'Associazione dei Cattolici Patriottici del governo cinese, sono circa otto milioni. I seguaci dell'Associazione risultano invece la metà. Eppure i fedeli del Papa sono vittime ancora di orribili persecuzioni.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©