Dal mondo / America

Commenta Stampa

Passa la proposta di referendum. Raccolte 800.000 firme

Pena di morte: la California voterà per abolirla


Pena di morte: la California voterà per abolirla
24/04/2012, 15:04

LOS ANGELES – La California sarà chiamata al voto, a novembre, per decidere con un referendum se abolire la pena di morte, sostituendola con l’ergastolo senza la possibilità di ottenere la libertà per buona condotta. È stata infatti approvata la proposta di referendum, firmata da oltre mezzo milione di cittadini (i promotori hanno raccolto 800.000 firme), e qualora questa dovesse passare la California diventerebbe il 18esimo Stato americano senza la pena capitale. Negli ultimi cinque anni sono stati cinque gli Stati che hanno abolito la pena di morte, e presto anche il Connecticut si unirà al gruppo. Oltre agli argomenti umanitari, e le preoccupazioni giuridiche riguardo alla possibilità di errori giudiziari, negli ultimi tempi si sono diffusi, anche tra i conservatori californiani, dubbi riguardo al sistema delle esecuzioni legati alla questione economica. L’abolizione nella California, dove negli ultimi 23 anni sono stati messi a morte 13 detenuti, avrebbe effetto immediato sugli oltre 700 condannati attualmente detenuti nel braccio della morte, che vedrebbero così commutata la pena capitale in ergastolo senza possibilità di libertà condizionale. A capo del comitato promotore del referendum c’è Jeanne Woodford, una ex direttrice del carcere di San Quentin oggi a capo di una associazione contro la pena di morte, “Death Penalty Focus”. Stando alla proposta di Woodford e della sua organizzazione, con i soldi risparmiati sarebbe istituito un fondo da investire nelle indagini sui casi irrisolti di omicidio e stupro.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©