Dal mondo / America

Commenta Stampa

Un rapporto apparso sul sito di Der Spiegel

Pentagono: "Gli F-35 peggiori degli aerei in uso oggi"


Pentagono: 'Gli F-35 peggiori degli aerei in uso oggi'
08/03/2013, 20:46

USA - Gli F-35 sono peggiori degli aerei in servizio oggi. A dirlo non è qualche estremista pacifista, ma il Pentagono. Secondo un rapporto pubblicato sul sito del settimanale tedesco Der SPiegel, 
La prima differenza rispetto ad altri rapporti critici del passato è che questa volta si fa riferimento sia alla versione standard del caccia sia a quella con decollo corto (STOL); mentre in passato ci si era riferiti solo alla prima. E si dice che i difetti sono tanti. Il più grave è l'assenza di una visibilità posteriore, non modificabile senza riprogettare l'intero aereo. Questo significa che, se l'aereo dovesse risultare coinvolto in uno scontro a breve distanza, potrebbe essere preso alle spalle senza avere possibilità di scampo. A peggiorare le cose, c'è il visore del casco: dovrebbe consentire una migliore visuale, ma funziona male, alle volte si spegne addirittura. Stessa cosa per il radar, molto inaffidabile e che a volte smette di funzionare. Se si pensa che il radar è la cosa migliore di un aereo come l'F-15, che risale agli anni '70, si capisce quanto sia stato costruito male il mezzo. 
Poi c'è il fatto che se colpito da un fulmine può esplodere; la manutenzione è troppo lunga, c'è il rischio di doverlo tenere a terra ore dopo ogni volo. E le batterie usate sono sensibili al freddo, come dover tenere la macchina in garage d'inverno altrimenti non parte (mentre si presume che l'aereo debba poter partire in qualsiasi condizione).
La valutazione si conclude dicendo che l'F-35 non sarebbe in grado, in una azione bellica, di tenere testa agli aerei attualmente in servizio: nè agli F-15 ed F-16, nè al Sukhoi 30 russo, nè al J-10 cinese, nè all'Eurofighter europeo, e nemmeno al ben più modesto JAS 39 Gripen, costruito in Svezia. 
Gli Usa nel frattempo stanno perdendo commesse. Certo, i 2400 aerei commissionati da Washington potrebbero bastare; ma dopo il Canada, che ha annulato tutti gli ordini, anche la Turchia ci sta ripensando e ha deciso di prendere solo due aerei per poter fare una valutazione di prima mano.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©