Dal mondo / America

Commenta Stampa

Resa nota una direttiva segreta del generale Petraeus

Pentagono: i soldati USA possono attaccare gli Stati amici


Pentagono: i soldati USA possono attaccare gli Stati amici
25/05/2010, 14:05

WASHINGTON - Una direttiva segreta del 30 settembre scorso, firmata dal generale David Patraeus e resa nota oggi dal New York Times, rischia di creare seri problemi all'amministrazione Obama. Infatti la direttiva autorizza l'esercito statunitense ad usare commandos per "infiltrare, distruggere, neutralizzare" Al Qaeda ed ogni altra organizzazione considerata terroristica, sia in territori ostili che in Paesi amici. Inoltre gli stessi potranno "preparare il terreno" a successive azioni del Pentagono. E questa indicazione sembra fatta apposta per giustificare la recente scoperta, che riguarda l'addestramento, il reclutamento e il finanziamento di organizzaizoni terroristiche in Iran - come il gruppo Jundullah, sgominato dalla polizia iraniana dopo avere compiuto decine di sanguinosi attentati - tese a cercare di destabilizzare il governo di Ahmadinejad.
L'iniziativa è stata criticata, perchè presenta molte criticità: si va dal rischio per i soldati americani di essere arrestati e fucilati come spie, secondo le regole della Convenzione di Ginevra, ai rischi di crisi diplomatica, in caso di una azione maldestra o solo mal eseguita su territorio amico. Ma soprattutto il rischio è che si crei un nuovo conflitto con la Cia, dato che alcune delle azioni autorizzate dal Pentagono sono sovrapponibili a quelle che spettano al servizio segreto statunitense.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©