Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il padre aveva cercato sui siti che insegnano come fare

Per le gemelline svizzere ora si teme la morte per avvelenamento


Per le gemelline svizzere ora si teme la morte per avvelenamento
10/02/2011, 15:02

CERIGNOLA (FOGGIA) - Continuano le ricerche di Livia ed Alessia Schepp, gemelle di 6 anni e figlie di Mathias, che si è suicidato lanciandosi sotto al treno a Cerignola, in provincia di Foggia, lo scorso 30 gennaio. Praticamente concluse le ricerche in Svizzera, continuano quelle a Cerignola, usando anche i cani e i sommozzatori nell'eventualità che le bambine siano state uccise e buttate in un fiume o in qualche pozzo. Perchè quella del duplice omicidio è una eventualità sempre più presa in considerazione. Soprattutto dopo le ultime novità investigative: esaminando il Pc del suicida, si è scoperto che negli ultimi tempi aveva visitato spesso quei siti presenti su Internet in cui spiegavano quali sono i veleni facilmente recuperabili e come agiscono. Il timore è che questa ricerca di informazioni non sia stata dovuta a semplice curiosità. Inoltre l'uomo aveva cercato anche informazioni sul traghetto Marsiglia-Propriano, che poi ha preso.
Esaminando poi la macchina di Mathias, sono stati scoperti dei capelli, il cui esame del Dna riconduce alle due gemelle. Ma non è possibile stabilire se siano state perse da giorni o da settimane e se quindi fossero anteriori alla discesa di Schepp in Italia.
Resta il mistero della scomparsa di due oggetti elettronici che potrebbero dire molto sulla vicenda. Uno è il navigatore satellitare dell'auto. E' stato trovato il supporto, il filo per la ricarica ma non il navigatore vero e proprio. Il secondo è un registratore che l'uomo portava sempre con sè e sul quale potrebbe avere lasciato qualche traccia di quello che è avvenuto alle due bambine.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©