Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Più che raddoppiata la pena rispetto al primo grado

Pistorius condannato in appello a 13 anni e 5 mesi per l'omicidio della fidanzata


Pistorius condannato in appello a 13 anni e 5 mesi per l'omicidio della fidanzata
24/11/2017, 18:26

JOHANNESBURG (SUDAFRICA) - Si complica la situazione giudiziaria dell'ex quattrocentista paraolimpico Oscr Pistorius. Infatti la Corte d'Appello ha accolto la richiesta del Procuratore e ha aumentatola pena per l'omicidio della fidanzata - l'ex modella Reeva Steenkamp - a 13 anni e 5 mesi. Si tratta di più del doppio della pena inflitta dal Tribunale di primo grado, che l'aveva condannato a 6 anni. Il Procuratore aveva sottolineato come la pena inflitta in primo grado fosse "lieve in modo sconvolgente". 

Pistorius uccise la fidanzata sparandole quattro colpi in pieno petto nella notte tra il 13 e il 14 febbraio del 2013. La sua linea di difesa è stata sempre che aveva scambiato la sua fidanzata per un ladro, nel buio della casa di notte, e aveva sparato per legittima difesa. Una linea che non è stata accolta dai giudici, che condannarono Pistorius a 5 anni di reclusione. La Procura fece ricorso e la Corte d'Appello rinviò il processo in primo grado specificando che Pistorius doveva essere condannato per omicidio volontario, e non per omicidio colposo come aveva deciso il Tribunale di primo grado. Il secondo processo si concluse con una condanna per Pistorius a 6 anni di reclusione, Una condanna che la Corte d'Appello ha aumentato al minimo della pena prevista per omicidio (15 anni) detraendo il tempo che l'ex atleta ha già trascorso in galera. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©