Dal mondo / America

Commenta Stampa

Il bilancio è di due morti e sette feriti

Pittsburgh, sparatoria in una clinica psichiatrica

Una delle due vittime è proprio l'aggressore

Pittsburgh, sparatoria in una clinica psichiatrica
09/03/2012, 09:03

PITTSBURGH (PENNSYLVANIA, USA) - E' almeno di due morti e sette feriti il bilancio della sparatoria verificatasi ieri in una clinica psichiatrica degli Stati Uniti, il Western Psychiatric Institute dell'Università di Pittsburgh, in Pennsylvania.

La tragedia si è consumata ieri sera con dinamiche e cause ancora poco chiare. Un uomo ancora non identificato ha improvvisamente aperto il fuoco all'interno della struttura e, secondo la polizia, una delle due vittime è proprio l'aggressore, che si sarebbe tolto la vita dopo la strage. Non si sa con precisione se i feriti fossero dipendenti, pazienti o familiari di qualche persona ricoverata nella clinica, nè si conoscono i motivi che hanno portato l'aggressore a compiere questa follia.

Inizialmente si erano diffuse delle voci circa la presenza di un secondo uomo armato all'interno della struttura e si era parlato anche della presa di alcuni ostaggi. Ma un portavoce ha smentito tutto, dicendo che non c'è mai stata alcuna presa di ostaggi.

Sul posto sono giunte le forze speciali di polizia, che hanno circondato l'edificio. Gli edifici adiacenti, invece, sono stati evacuati. Secondo quanto si è appreso, alcuni dei feriti sono stati trasferiti al Pittsburgh Medical Center, ma si ignorano le loro condizioni.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©