Dal mondo / America

Commenta Stampa

Arrestato un 19enne somalo con cittadinanza americana

Portland: FBI e polizia sventano attentato


Portland: FBI e polizia sventano attentato
27/11/2010, 09:11

PORTLAND (OREGON, USA) - Fonti dell'FBI riferiscono che venerdì sera le forze di polizia americane sono riuscite a sventare un piano terroristico per far esplodere un'autobomba durante la cerimonia di accensione delle luci dell'albero di Natale a Portland, in Oregon, e ad arrestare l'attentatore.
L'attentato è stato attribuito a Mohamed Osman Mohamud, un diciannovenne somalo con cittadinanza americana e residente a Corvallis, che ha tentato di far saltare in aria un furgone carico di esplosivo nella Pioneer Courthouse Square, la centrale piazza nei pressi del luogo in cui si svolgeva la cerimonia di inaugurazione dell'albero di Natale. In realtà quella che il giovane ha tentato di far esplodere dentro al furgone era una falsa bomba, fornita dalla polizia come esca. Gli agenti della polizia di Portland e dell'FBI hanno immediatamente arrestato il ragazzo.
L'arresto di Mohamud è stato l'atto culminante di una lunga operazione segreta, iniziata nel luglio del 2009, durante la quale il giovane è stato tenuto sotto stretto controllo dalla polizia, in quanto individuato dal Dipartimento di Giustizia come individuo pericoloso per la comunità. Pare, infatti, che sin dai 15 anni Mohamud sia stato un attivo sostenitore della jihad. Inoltre, ultimamente, le autorità stavano indagando sulla corrispondenza tra il giovane e i suoi presunti associati in una provincia della frontiera nord-occidentale del Pakistan. L'agente speciale dell'FBI Arthur Balizan dice: "Il pericolo era reale. La nostra indagine mostra che Mohamud era incaricato di eseguire un attentato di vasta scala. Ma voglio rassicurare le persone di questa comunità che gli abbiamo impedito di realizzare qualsiasi tipo di attacco".

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©