Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Aveva lanciato le boe SOS, ma poi è stata trovata

Prima dispersa e poi ritrovata Abby, la 16enne velista


Prima dispersa e poi ritrovata Abby, la 16enne velista
11/06/2010, 10:06

MADAGASCAR - C'era stata molta preoccupazione per la sorte di Abby Sunderland, la 16enne statunitense che sta cercando di completare il giro del mondo in solitaria e senza scali. il fatto che fossero state attivate due boe SOS (sono boe che emanano un segnale satellitare per molte ore, e che vengono utilizzate quando c'è una emergenza per essere trovati rapidamente) a poche miglia ad est del Madagascar, mentre nella zona imperversava il brutto tempo, aveva fatto temere il peggio. Poi si era visto che le boe, una volta recuperate, erano state attivate manualmente, cosa che escludeva un rovesciamento dell'imbarcazione di Abby (in questo caso si attivano ma con un sistema automatico). In più un aereo, incrociando sulla zona, è riuscito ad entrare in contatto radio con la ragazza, che ha confermato di stare bene e che procede nel suo viaggio.
SI tratta dell'ennesimo viaggio avventuroso, fatto da ragazzini che si credono adulti e che affrontano con la tipica incoscienza di quell'età prove durissime. Si può solo sperare che vada tutto bene

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©