Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Gli steward lamentano il non aver ricevuto la paga

Primi scontri durante il mondiale, tafferugli tra lavoratori e polizia


Primi scontri durante il mondiale, tafferugli tra lavoratori e polizia
14/06/2010, 18:06

JOHANNESBURG - In quello che si preannuncia tra i mondiali più belli ed insieme delicati di tutti i tempi, esplodono i primi scontri tra alcuni lavoratori locali e le forze dell'ordine.
Ironia della sorte, a creare le prime forti tensioni proprio durante lo svolgimento della manifestazione, sono stati gli steward e cioè coloro che dovrebbero occuparsi proprio dell'ordine e della sicurezza all'interno degli stadi. In particolare, la protesta è stata portata avanti dagli assistenti che hanno operato nel bellissimo stadio Moses Mabhida; situato sull costa, nella citta di Durban. Al termine della partita che ha visto l'Australia travolta da un'ordinata ed imperiosa Germania,  gli steward hanno infatti duramente protestato per non aver ricevuto la paga e si sono diretti, abbastanza sparpagliati armati di bastoni, pietre e mattoni, verso il centro della città.
L'intervento della polizia è riuscito però prima ad isolare e poi a disperdere i manifestanti senza provocare incidenti gravi. Per sedare la piccola ma virulenta rivolta gli agenti hanno utilizzato lacrimongeni e proiettili di gomma (uno di questi ha colpito una signora che è rimasta a terra per circa un'ora prima di essere trasportata in ospedale). Come si legge anche su Reutersi, il portavoce del comitato organizzativo Rich Mkhondo ha assicurato che a Johannesburg le autorità hanno già aperto una trattativa con gli steward per risolvere il più celeremente possibile la spinosa questione degli stipendi.
Fa riflettere come, dopo aver speso miliardi proprio per garantire la massima sicurezza durante la manifestazione sportiva, l'organizzazione si sia fatta sfuggire un dettaglio fondamentale come la paga da garantire agli steward. Già prima dell'inizio dei mondiali, diverse erano state le proteste (anche molto violente) dentro e fuori dalla capitale sudafricana.
Grande attesa, intanto, per la prima uscita della Nazionale Italiana che si trova a dover affrontare il Paraguay con il groppone carico di critiche e tensioni. Tuttavia, tedeschi a parte, nessun'altra favorita ha brillato particolarmente fino a questo momento e dunque gli azzurri potranno giocarsi la partita di questa confidando in una minor ansia da prestazione.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©