Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

“Non metteremo fine alla nostra lotta politica”

Pussy Riot: La protesta continua


Pussy Riot: La protesta continua
11/10/2012, 14:56

MOSCA - Non vuole fermarsi, anzi, promette di continuare la “lotta politica” Katia Samutsevich.

Una delle tre componenti del gruppo Pussy Riot, condannate in appello a due anni per una dissacrante preghiera anti Putin, sembra non essere in contrasto con le altre due compagne rimaste in carcere.

Le sue ultime dichiarazioni sono chiare, vuole riprendere la sua battaglia contro il potere.

Alla Cnn ha dichiarato: “Non siamo finite e non metteremo fine alla nostra lotta politica”.

Inoltre, ha parlato al programma "Nidiela", che sarà messo in onda nel weekend da Ren Tv, affermando : “ Tutte noi condividiamo le stesse idee e mai abbiamo pensato di modificarle: non c'è e non c'è mai stato alcun contrasto, alcun conflitto nel gruppo”.

E sui nuovi progetti anticipa: “Il gruppo è sempre aperto a persone nuove che vogliono lavorare con noi, le Pussy Riot non sono un “progetto commerciale”.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©