Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Rivedere accordi su adozioni dopo approvazione nozze gay

Putin blocca le adozioni verso la Francia

L'adozione da parte di coppie gay va contro i valori russi

Putin blocca le adozioni verso la Francia
27/04/2013, 10:22

MOSCA – In seguito all’approvazione da parte del Parlamento francese delle unioni civili tra persone dello stesso sesso, la Russia di Putin decide di allontanarsi ulteriormente dall’Europa sul fronte del sociale e di rivedere gli accordi con la Francia – e con quanti paesi seguano la sua strada – per regolare le adozioni internazionali. L’adozione di bambini da parte di omosessuali, infatti,  va contro i valori tradizionali russi, per i quali Putin chiede rispetto.

Il presidente russo, dunque, ha accolto la richiesta di Marina Orgejeva, deputata di Kaliningrad, secondo la quale crescere con genitori omosessuali 2non fa bene ai bambini”. Del resto fino al 1993 in Russia l’omosessualità veniva considerata come un reato e, prima ancora, come una malattia mentale.

Il blocco delle adozioni deciso da Putin segue un altro provvedimento repressivo, quello che vieta l’adozione di bambini russi negli Stati Uniti. La Russia, infatti, in seguito all’approvazione da parte del Congresso americano di una legge che prevede sanzioni per chi viola i diritti umani, lo scorso gennaio si è ritirata dagli accordi con gli Stati Uniti relativi alle adozioni.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©