Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Lui: "Ho vinto delle elezioni oneste"

Putin di nuovo Presidente, l'opposizione lamenta brogli elettorali



Putin di nuovo Presidente, l'opposizione lamenta brogli elettorali
05/03/2012, 10:03

MOSCA - Il risultato finale non ha sorpreso nessuno: Vladimir Putin è presidente della Russia per la terza volta, dopo i quattro anni del burattino Dmitri Medvedev. Ha vinto ieri le elezioni con il 63,9% dei voti; dietro di lui Ghennadi Ziuganov, al comando di un partito comunista col 17,1%; Mikhail Prokhorov col 6,9% e Vladimir Zhirinovski col 6,7%.
Sempre ieri sera, Putin è apparso in piazza davanti a 100 mila sostenitori, dicendo di aver vinto "una battaglia aperta ed onesta" e ha ringraziato i presenti, dicendo che hanno saputo sconfiggere chi voleva dividere il Paese.
Opinione diversa delle opposizioni. Ziuganov ha detto che non riconoscerà il risultato del voto, in quanto macchiato da troppi brogli. "Le strutture dello Stato hanno lavorato a vantaggio esclusivo di uno solo dei candidati (ovvimente si riferisce a Putin, ndr) e non a vantaggio di tutti", ha tuonato l'erede del PCUS.
Sia pure in maniera più cauta, lo stesso pensiero è stato espresso anche da Prokhorov, che ha parlato di elezioni "non oneste". Però ha anche aggiunto che era sua intenzione partecipare solo per far conoscere le sue idee e porre le basi per creare il proprio partito.
Ma che i brogli ci siano stati è stato dimostrato da un video che gira su Internet, che mostra in un seggio alcune persone che infilano una scheda dietro l'altra - sicuramente già votate - in una urna. Le autorità hanno detto di aver invalidato i risultati di quel seggio, ma è chiaro che la stessa cosa può essere capitato in altri seggi.
E naturalmente non sono mancate le femministe del gruppo Femen, che sono note per le loro proteste rigorosamente in topless. Come nel filmato allegato: si spogliano nel seggio dove Putin ha da poco votato - sono entrate spacciandosi per giornaliste - e protestano contro il vincitore delle elezioni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©