Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Le autorità stanno cercando il terrorista

Ragazzino israeliano massacrato a colpi d’ascia da un palestinese


Ragazzino israeliano massacrato a colpi d’ascia da un palestinese
02/04/2009, 18:04

Un giovane palestinese ha fatto irruzione in un insediamento israeliano in Cisgiordania. Con un’ascia stretta tra le mani, si è scagliato contro chiunque gli capitasse a tiro, nell’ennesimo capitolo della guerra che insanguina quelle terre. Non ha avuto problemi ad entrare nell’insediamento che, per scelta degli abitanti, non è protetto da reticolati. Secondo fonti israeliane, un bambino di 13 anni ha avuto la sfortuna di trovarsi davanti al sedicenne. Non ha avuto scampo. Le forze di sicurezza del Paese stanno setacciando l’area (a Bat Ayin, nel blocco di insediamenti Etzion, a sud di Gerusalemme) alla ricerca del palestinese. Il ragazzino, ferito gravemente alla testa, è morto poco dopo l’aggressione. Subito dopo l’attacco, riferisce la tv Channel 2, un passante si è scagliato contro il sedicenne ed è riuscito a disarmarlo ma non a bloccarlo. Le autorità, che ritengono che il giovane possa avere con sé anche un’altra ascia e forse un coltello, hanno consigliato agli abitanti di restare chiusi in casa.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©