Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Dopo il 23 febbraio verranno decise le misure da prendere

Rajoy: "La Spagna non centrerà gli obiettivi del 2012"


Rajoy: 'La Spagna non centrerà gli obiettivi del 2012'
30/01/2012, 15:01

MADRID (SPAGNA) - La Spagna non riuscirà a centrare gli obiettivi previsti per il 2012. A dirlo è il premier, Mariano Rajoy, al termine dell'incontro avuto con il Presidente della Commissione europea Josè Barroso. Nella conferenza stampa che si è svolta, Rajoy ha spiegato che le previsioni di crescita per il 2012 per la Spagna erano del 2,3%; ma che, dato il rallentamento nella crescita economica in tutta Europa e nel mondo, è difficile che questo obiettivo venga rispettato.
Quali misure verranno prese? Il premier spagnolo non l'ha specificato, limitandosi a dire che si aspetterà il 23 febbraio, data in cui verranno rese note le previsioni macroeconomiche della Ue, per valutare cosa fare. Fermo restando che verranno consolidati i conti pubblici, riducendo il deficit che, negli accordi, avrebbe dovuto raggiungere il 4,4% - con un decremento di 8 punti - entro il 31 dicembre 2012. Un obiettivo che attualmente appare difficilmente realizzabile, con la bassa crescita prevista.
In questa maniera rischia di saltare la prima e più importante promessa elettorale di Rajos, che aveva garantito di sistemare tutto con una manovra da 16 miliardi di euro basata soprattutto sui tagli di spesa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©