Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Vittorio Arrigoni potrebbe essere ucciso entro trenta ore

Rapito volontario italiano da estremisti salafiti

Il sequestro è stato ripreso in un video diffuso su Youtube

Rapito volontario italiano da estremisti salafiti
14/04/2011, 21:04

GAZA - Un gruppo islamico salafita ha rapito a Gaza un volontario italiano, Vittorio Arrigoni. Se entro trenta ore il governo di Hamas non libererà alcuni detenuti salafiti, Arrigoni potrebbe essere ucciso. Il volontario minacciato dagli estremisti è stato ripreso in un video, che è possibile vedere su Youtube, dopo che tre miliziani armati l'hanno sequestrato a Gaza City.
A confermare che nel video c'è proprio Arrigoni, attivista del Movimento di solidarietà nazionale, è la cofondatrice dell'Ism Huwaida Arraf. Nel video appare bendato, con una maglia nera, le mani legate dietro la schiena, con segni di violenza sul lato destro del volto e si può notare che qualcuno gli tiene la testa per i capelli.
Il video è accompagnato da una musica ed appare una scritta inglese: «Il popolo di Gaza si dispiace per quello che questi bigotti hanno fatto a Vittorio. Siamo sicuri che sarà presto libero e salvo». Arrigoni è accusato dal gruppo islamico di diffondere i vizi occidentali mentre il governo italiano sarebbe responsabile di portare avanti la guerra contro i paesi musulmani. Nel 2008 Arrigoni è stato inviato a Gaza dal "Manifesto" per testimoniare il dramma dei palestinesi.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©