Dal mondo / America

Commenta Stampa

Nella metà dei casi il condannato era afroamericano

Rapporto Usa: scagionati 101 condannati a morte dal 1989

Oltre 2000casi di persone condannate risultate poi innocenti

Rapporto Usa: scagionati 101 condannati a morte dal 1989
22/05/2012, 18:05

WASHINGOTN - Sono 101 i condannati a morte negli Stati Uniti che, dal 1989 ad oggi, sono stati scagionati e liberati. È quanto emerge dai dati del National Registry of Exonerations, un nuovo registro che raccoglie i casi dei condannati che sono stati poi scagionati. In un articolo pubblicato sull'Huffington Post si evidenzia come siano, nello stesso periodo, in tutto oltre 2mila i casi di detenuti che sono stati scagionati, dopo anni in prigione o nel braccio della morte in attesa di un'esecuzione che fortunatamente non è arrivata prima dell'accertamento della verità. Il registro è stato creato da Samuel Gross, docente dell'University of Michigan Law School che ha creato questo registro, insieme ai ricercatori del Northwestern University's Center on Wrongful Conviction, centro dell'università dell'Illinois che ha preso in analisi 873 casi individuali.  «Questo è solo l'inizio, la mia grande speranza è che questo ci permetterà di capire di più su questi casi» ha detto Gross. Molti di questi casi comprendono storie di prove inquinate, abusi da parte delle forze dell'ordine ed identificazioni che si sono poi rivelate erronee da parte di testimoni oculari. La metà di questi casi ha coinvolto interessa condannati afroamericani, il 38% bianchi e l'11% ispanici. E il 48% dei casi presi in analisi erano condanne per omicidio.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©