Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

E sulla pedofilia ammette: mina credibilità Chiesa

Ratzinger in Inghilterra: "Provo vergogna per il nazismo"


Ratzinger in Inghilterra: 'Provo vergogna per il nazismo'
19/09/2010, 19:09

LONDRA - "Per me, che ho vissuto e sofferto lungo i tenebrosi giorni del regime nazista in Germania, è profondamente commovente essere qui con voi in tale occasione, e ricordare quanti dei vostri concittadini hanno sacrificato la propria vita, resistendo coraggiosamente alle forze di quella ideologia maligna. Il mio pensiero va in particolare alla vicina Coventry, che ebbe a soffrire un così pesante bombardamento e una grave perdita di vite umane nel novembre del 1940". Nell'ultimo giorno della visita in Gran Bretagna, papa Ratzinger si rivolge così ai 70mila radunati al Cofton Park di Birmingham per la beatificazione di John Henry Newman. Ringrazia l’Inghilterra per aver liberato l’Europa dal nazifascismo, definendo eroi i militari che si batterono per la caduta del regime di Hitler. “Settant'anni dopo – ha affermato il papa tedesco - ricordiamo con vergogna e orrore la spaventosa quantità di morte e distruzione che la guerra porta con sé al suo destarsi. E rinnoviamo il nostro proposito di agire per la pace e la riconciliazione in qualunque luogo in cui sorga la minaccia di conflitti”.  Poi torna sugli abusi dei preti e sul rischio che sta correndo la Chiesa di essere delegittimata. “Il vergognoso abuso di ragazzi e di giovani da parte di sacerdoti e di religiosi è un problema che mina seriamente la credibilità morale dei responsabili della Chiesa. In passato, la questione è stata affrontata in modi spesso inadeguati”.
LIBERATI I SEI PRESUNTI ATTENTATORI - Sono stati rilasciati dal Scotland Yard i sei uomini, di età compresa tra i 26 e i 50 anni, che erano stati arrestati venerdì scorso poichè sospettati di voler organizzare un attentato contro il Papa in visita in Gran Bretagna.
La polizia ha infatti precisato che, i 6, "sono stati rilasciati tra sabato e domenica senza alcuna imputazione a loro carico". Dunque solo un falso allarme che, però, aveva allarmato numerosi credenti in tutto il mondo. Dopo aver incontrato le cinque vittime dei prelati pedofili ed aver chiesto scusa per i crimini della Chiesa ed aver svolto la messa per la beatificazione del cardinale britannico John Henry Newman, il Pontefice ha tenuto l'Angelus. Poi, nel pomeriggio, l'incontro con i vescovi di Inghilterra, Galles e Scozia all'interno della cappella del Francis Martin House dell'Oscott College di Birmingham. Il rientro a Roma è previsto per le ore 22:30 circa di questa sera.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©