Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Lo stato ebraico: “Governo libanese è responsabile”

Razzi dal Libano, Israele risponde al fuoco


Razzi dal Libano, Israele risponde al fuoco
11/09/2009, 18:09

Due razzi Katiuscia sono stati sparati oggi dal sud del Libano verso il territorio israeliano, all’indomani della rinuncia all’incarico del premier desginato libanese, Saad Hariri. I razzi sono partiti da una zona a circa nove chilometri dalla città di Tiro, nel villaggio di Al-Qlaileh, diretti verso il nord di Israele; pare che non ci siano feriti. Frammenti di almeno un razzo sono stati rinvenuti, riferiscono fonti della polizia israeliana, tra la città di Naharya e il Kibbutz di Gesher Aziv. Secondo la tv libanese i razzi sparati sarebbero tre; si tratta dei primi lanci verso Israele dal sud del Libano, dove l’esercito dello Stato ebraico combattè nel 2006 una guerra di un mese contro i miliziani di Hezbollah.
L’esercito israeliano ha risposto poco dopo all’attacco, esplodendo otto colpi di artiglieria verso un frutteto, identificato come l’area da cui erano partiti i Katiuscia.

Un portavoce dell’Unifil, il colonnello Diego Fulco, ha detto all’Ansa che “in base alle informazioni preliminari, non risultano vittime da entrambe le parti”. Caschi blu e soldati libanesi, ha aggiunto Fulco, “sono già stati inviati sul luogo da dove sono partiti i razzi”.

Il Governo israeliano, intanto, punta il dito contro il Libano. Un alto funzionario governativo, citato da ‘Ynet’ sul sito web del quotidiano israeliano ‘Yedioth Ahronoth’, ha affermato che “dal momento che Hezbollah è entrato nel governo libanese, quest’ultimo è responsabile per ogni attacco contro Israele, con tutto ciò che ne consegue”. L’allusione, molto poco velata, è alle rispose che saranno messe in atto dallo stato ebraico. Il lancio dei razzi di oggi contro Israele non è stato ancora rivendicato, ma le autorità locali, oltre al movimento sciita libanese Hezbollah, pensano che i katiuscia potrebbero anche essere partiti da alcuni campi profughi palestinesi presenti nel sud del Libano.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©