Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Nuove elezioni previste per il mese di ottobre

Rep. Ceca, accettate le dimissioni del governo tecnico

Prossima settimana il voto per scioglimento del Parlamento

Rep. Ceca, accettate le dimissioni del governo tecnico
13/08/2013, 17:32

PRAGA- Il presidente ceco, Milos Zeman, ha accettato oggi le dimissioni del governo tecnico guidato da Jiri Rusnok, sfudiciato la scorsa settimana. Passo questo che porta la Repubblica Ceca a nuove elezioni.

L'esecutivo tecnico, di ispirazione zemaniana, era stato formato il 10 luglio scorso in sostituzione della coalizione di centro destra guidata dal premier Petr Necas, caduta a giugno in seguito allo scandalo per corruzione e abuso di potere.

Intanto il presidente Zeman ha chiesto all'economista Rusnok di assicurare gli affari correnti "sino alla formazione di un nuovo governo che, spero, nascerà da libere elezioni".

Per la prossima settimana, intorno al 20 agosto, è previsto il voto per lo scioglimento del Parlamento; a questo punto, una chiamata alle urne, per cercare di mettere fine alla crisi politica, sarà con ogni probabilità per il mese di ottobre.

Il presidente ha dichiarato che non cercherà rinvii e ha anticipato di "non tardare a confermare lo scioglimento" per poter procedere ad elezioni anticipate entro 60 giorni.

Ben posizionati per la vittoria sembrano essere, secondo i sondaggi, i partiti di sinistra. I Social-democratici hanno concrete possibilità di tornare al potere per la prima volta dal 2006.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©