Dal mondo / America

Commenta Stampa

Accuse di tortura, omicidio e sequestre per l'ex dittatore

Reynaldo Bignone condannato a 25 di reclusione


Reynaldo Bignone condannato a 25 di reclusione
21/04/2010, 16:04

BUENOS AIRES - Un tribunale federale ha condannato a 25 anni di reclusione l'ultimo capo della dittatura militare argentina Reynaldo Bignone. Le accuse sono di omicidio, tortura e sequestro e riguardano per la precisione 56 casi accertati di dissidenti prima imprigionati e poi uccisi all'interno della base militare Campo de Mayo. Bignone, oggi 82 enne, è stato infatti comandante in seconda della struttra tra il 1978 ed il 1979. 
Poco dopo il vetusto militare era divenuto l'ultimo dittatore argentino; governando fino al 1983. Finiranno quasi sicuramente i propri giorni in galera anche gli ex generali Santiago Omar Riveros, 83 anni, e Fernando Verplaetsen, 84 anni; entrambi condannati a 25 anni per gli stessi reati contestati a Bignone. Su Rainews24 si leggono anche le dichiarazioni del ministro della giustizia argentino Julio Alak:"un atto di giustizia esemplare perché riguarda uno dei più sanguinari rappresentanti del genocidio nazionale tra gli anni 1976 e 1983". Soddisfatti per la sentenza anche tutti i parenti delle numerose vittime mietute dal regime militare di Bignone. A tal proposito è intervenuta la presidente dell'associazione Madri di Plaza de Mayo Estela de Carlotto:"La giustizia a volte tarda ad arrivare, ma è arrivata e questa è la cosa importante".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©