Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Poche adesioni al corteo ma il leader del Cgt non molla

Riforma sulle pensioni: Continuano le manifestazioni a Parigi


Riforma sulle pensioni: Continuano le manifestazioni a Parigi
06/11/2010, 15:11

PARIGI(FRANCIA)-Le manifestazioni contro la riforma delle pensioni continuano a Parigi . Una scarsa partecipazione ha accompagnato questa che potrebbe rappresentare l’ultima delle otto giornate di mobilitazione in Francia. Le avversità anche dal punto di vista climatico non bastano a scoraggiare il leader del sindacato Cgt ( comunista) Bernard Thibault, che si dichiara disposto a continuare anche da solo la protesta. Nonostante lo stesso ,dichiari che ci siano oltre un milione di manifestanti, a mezzogiorno il ministro degli Interni ha riportato 142.000 manifestanti contro i 198.000 del 28 ottobre, giornata di primo grosso ribasso perche' in pieno svolgimento delle vacanze di Ognissanti. Le dichiarazioni di Thibault, sebrano contrastare l’unità mostrata dai leader sindacali che sfilano nel corteo parigino:
''La Cgt andra' fino in fondo'' anche se gli altri dovessero smettere la lotta, con l'obiettivo di ottenere l'apertura di trattative entro luglio 2011, data alla quale la riforma delle pensioni - che aumenta l'eta' minima per lasciare il lavoro da 60 a 62 anni - entrera' in vigore se la Corte costituzionale la convalidera'.
Francois Chereque, il leader della Cfdt, l’altro sindacato guida della protesta ,ha fatto intendere che la mobilitazione si può affermare essere chiusa anche se la riforma è stata affermata circa 10 giorni fa dal Parlamento e potrebbe essere promulgata a metà mese se no ci sarannò ostacoli da parte del Consiglio Costituzionale.
 















Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©