Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Viveva in un albergo di lusso da diverse settimane

Rintracciato a Doha l’ex ministro libico Koussa


Rintracciato a Doha l’ex ministro libico Koussa
27/06/2011, 21:06

L’ex ministro degli Esteri libico ed ex capo dell’intelligence, Moussa Koussa, è stato rintracciato in un lussuoso hotel di Doha, in Qatar, dove viveva da settimane. È quanto riporta il quotidiano britannico “Daily Telegraph”, ricordando come non si avevano più notizie di Koussa da quando aveva lasciato la Gran Bretagna ad aprile, dopo essersi dimesso dal regime di Muammar Gheddafi e dopo essere stato interrogato a Londra in merito alla strage di Lockerbie. Koussa ha vissuto per diverse settimane in una suite al 17esimo piano dell’hotel Four Seasons a Doha, capitale del Qatar, sotto la protezione dei servizi di sicurezza qatarioti, come si legge sul “Daily Telegraph”.
Intanto, proprio dalla Gran Bretagna, si solleva un coro di critiche per come è stato trattato l’ex funzionario di regime. Secondo il deputato conservatore di Harlow, Robert Halfon, Koussa dovrebbe essere portato davanti al Tribunale penale internazionale per essere processato per le atrocità compiute dal governo libico sotto la guida di Gheddafi. In particolare, era il vice capo dell'’ntelligence libica quando un aereo della Pan-Am 103 è esploso in aria sulla città scozzese di Lokerbie, nonostante lui abbia sempre negato che la Libia fosse responsabile. Le famiglie degli americani vittime dell’attentato hanno contestato duramente la decisione di Londra di consentire a Koussa di lasciare la Gran Bretagna dopo due settimane dal suo arrivo per recarsi a Doha per partecipare a un summit dei leader del Golfo sulla Libia. Rosemary Wolfe, la cui figlia Miriam morì a Lokerbie, ha detto che Koussa “vive nel lusso in Qatar e probabilmente pensa che l’Occidente dimenticherà, ma noi non dimenticheremo”. Secondo Halfon “è un oltraggio assoluto” il fatto che “i britannici lo abbiano lasciato andare, non è mai successo. E quello che è peggio è che dagli Usa non ci è stata alcuna reazione”.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©