Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Rivellini (PPE): “Italia assente tra i Paesi beneficiari di straordinarie agevolazioni economiche”


Rivellini (PPE): “Italia assente tra i Paesi beneficiari di straordinarie agevolazioni economiche”
29/02/2012, 15:02

Enzo Rivellini, Europarlamentare del Pdl/Ppe e Presidente dell’associazione Mezzogiorno di Fuoco, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Stamani in commissione CONT si é votato, su proposta della Commissione europea, la modifica del Regolamento 1083/2006 sulla creazione di un fondo di garanzia con tutte le risorse comunitarie non utilizzate (con fattore moltiplicare fino a 63 volte) utile a realizzare importanti infrastrutture anche nel campo dei rifiuti (allego lista).
La Commissione europea aveva proposto che tale fondo fosse destinato ai soli Paesi sotto assistenza finanziaria (Grecia, Portogallo, Irlanda, etc) escludendo l'Italia. Mi sono battuto per diventare relatore di tale dossier proprio per cercare di inserire in un'agevolazione così rilevante anche il nostro Paese. A questo fine, nelle ultime settimane, ho provveduto ad avvertire, data l'importanza del dossier, tutti i potenziali ed autorevoli attori a livello europeo, nazionale e regionale:
- a voce ho contattato il premier Monti, presente l'ambasciatore presso l'UE Nelli Feroci;
- per iscritto ed a voce il Ministro per i rapporti con l'Unione europea Moavero,
- per iscritto tutti i colleghi italiani di tutti i partiti;
- per iscritto ed a voce il Governatore della Campania Caldoro che ha più volte sollecitato un “gioco di squadra” tra i rappresentanti della comunità meridionale.
Tutto ciò perché avevo il timore, cosa che poi si é puntualmente verificata, che i parlamentari esteri, al di là delle indicazioni di partito, cercassero di eliminare l’Italia da tale incredibile opportunità. La collega bulgara Ivanova ha presentato un emendamento a noi favorevole ma stamane, anche perché ero l'unico italiano presente di tutti i partiti, l'emendamento é stato bocciato 14 a 11 !
Immediatamente dopo ho incontrato il Ministro Passera, che era in Parlamento per incontrare alcuni parlamentari europei e non ho avuto timore di dirgli che facciamo solo "chiacchiere" e che spesso riusciamo a "fare squadra" solo per passerelle mediatiche inutili. Ora il dossier andrà in aula con parere della commissione a noi sfavorevole e mi domando: riuscirà il Governo Monti, che ama definirsi europeista, a ribaltare questa palese ingiustizia ed a convincere tutti i parlamentari italiani, al di là della loro appartenenza partitica, a "fare squadra" per la nostra (poco ?) amata Italia ?».



Allego lista di alcune infrastrutture che potrebbero essere completate con il fondo di garanzia sopra citato.
• Aeroporto di Catania
• Aeroporto di Lamezia Terme
• Porto di Gioia Tauro
• Sistema Trasporto sostenibile Catanzaro
• Sistema Trasporto sostenibile Cosenza
• Progetto riconversione Napoli Est (Porto e quartieri limitrofi)
• Alta capacità Napoli-Bari (priorità non elevatissima per Ferrovie)
• Progetti di riconversione urbana a Salerno
• Bagnoli Futura (ristrutturazione urbana a Napoli)
• Autovie venete
• Brebemi
• TEEM - Tangenziale Esterna Est di Milano
• Pedemontana Veneta
• Acquedotto pugliese

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©