Dal mondo / America

Commenta Stampa

Usa 2012: il discorso a Tampa del candidato repubblicano

Romney vs Obama: “Lui vuole salvare il mondo io le famiglie”

Promette di creare nuovi posti di lavoro

Romney vs Obama: “Lui vuole salvare il mondo io le famiglie”
31/08/2012, 09:19

USA – Mitt Romney va all’attacco di Barack Obama. Nel suo intervento alla convention del partito repubblicano a Tampa, in Florida, invita gli americani a cambiare rotta. “Obama  - dice – vuole salvare il mondo, io le famiglie”. L’obiettivo, più volte dichiarato, è quello di riuscire ad entrare in sintonia anche con quella classe media che lo considera troppo ricco per rappresentarla.

Romney si dimostra determinato e con l’attuale presidente americano ci va giù pesante: “Le sue promesse si sono tradotte solo in delusione e divisioni. E' qualcosa che non possiamo accettare”, urla il candidato dal palco di Tampa nel suo discorso di accettazione della nomination repubblicana per la corsa alla Casa Bianca. “Ora – aggiunge - è il momento di agire. Gli americani meritano di meglio rispetto a quello offerto dall'attuale amministrazione, i miei figli meritano di meglio, la mia famiglia merita di meglio, il mio Paese merita di meglio”.

Insomma, a sentire Romney, c’è tanto lavoro da fare: il candidato repubblicano, però, ha già la sua ricetta per l’America. “Il presidente Obama ha promesso di rallentare il flusso degli oceani e guarire il pianeta dai suoi mali. La mia promessa – annuncia - è quella di aiutare voi e la vostra famiglia. Per creare i 12 milioni di nuovi posti di lavoro occorreranno cinque passaggi a partire dall'indipendenza energetica che gli Usa raggiungeranno entro il2020”.

Ma non solo occupazione, se il 6 novembre Mitt Romney strapperàla Casa Biancaa Barack Obama, tra le prime misure che adotterà (come sostiene  Washington Post citando una delle piattaforme del programma repubblicano) c’è quella di privatizzare la sicurezza dei controlli negli aeroporti, affidata ora a 65mila dipendenti del ministero per la sicurezza interna.  

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©