Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

I dati contenuti in una chiavetta Usb

Rubate mappe segrete dell’Eliseo ed altri novemila palazzi parigini


Nella foto una stanza dell'Eliseo
Nella foto una stanza dell'Eliseo
22/08/2012, 19:19

PARIGI – Una chiavetta Usb contenente circa 9.000 planimetrie di palazzi ma anche quella dell’Eliseo, la residenza del presidente François Hollande, degli uffici del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Polizia, oltre alle mappe dettagliate di una quantità di enti pubblici e privati, banche, società sono state rubate qualche giorno fa. Le preziosi informazioni si trovavano nell’auto di un manager dell’impresa incaricata di installare una rete fibre ottiche in quegli stessi edifici, nel quadro di un ampio progetto di video protezione della capitale.
La chiavetta, assieme ad altro software e ad altri dossier, era stata lasciata sul sedile dell’automobile quando, sabato scorso, l’uomo è andato a prendere un parente in arrivo in treno, alla Gare de Lyon, nella zona sud est di Parigi. Non prevedeva di stare via molto e forse, nella fretta, si è addirittura scordato di bloccare le portiere della macchina. La seconda divisione della polizia giudiziaria di Parigi ha setacciato il quartiere è ritrovato la borsa in cui era custodita la chiavetta che però era sparita. La notizia è trapelata 48 ore più tardi ed è stata pubblicata dal quotidiano Le Parisien, costringendo il ministero dell’Interno a diffondere un comunicato rassicurante: le planimetrie non erano criptate e non sono considerate documenti segreti anche se sarebbe preferibile che non circolassero in mani sbagliate. Inserita su qualunque computer dotato di porta USB, la chiavetta contiene, stanza per stanza, la disposizione interna di alcuni dei palazzi meno accessibili del paese. Gli inquirenti non si dilungano sui loro sospetti, non possono escludere che la pen drive fosse il reale obiettivo del ladro. Ma, vista la zona in cui è avvenuto il furto, sono propensi a pensare che si tratti di un topo d’auto attirato dalla borsa e ignaro del suo contenuto.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©