Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Testimoni parlano di esplosione:ipotesi attacco terroristico

Russia, deraglia un treno: 39 morti, ferito un italiano



Russia, deraglia un treno: 39 morti, ferito un italiano
28/11/2009, 10:11

MOSCA - Nella serata di venerdì un treno Mosca-San Pietroburgo è deragliato causando la morte di 39 persone e 18 dispersi. Il "Nievski Express", convoglio a 14 vagoni che trasportava 633 passeggeri, è uscito dalla carreggiata tra Alyoshinka e Uglovka, 350 chilometri a nord di Mosca, alle 21.34 ora locale (le 19.34 in Italia). Gli ultimi tre vagoni sono deragliati. Sul luogo dell’incidente, avvenuto a circa 25 km dalla località di Bologoie, a ridosso delle regioni di Tver e Novgorod (nord di Mosca), sono state impegnate tutta la notte le squadre di soccorso. Tra i passeggeri del treno Nevski Express c'erano almeno tre passeggeri stranieri, tra cui, pare, un italiano, ricoverato all'ospedale di Borogoie, nella regione di Tver. Lo afferma l'agenzia Itar-Tass citando una fonte delle ferrovie russe. Gli altri due stranieri sembrano finlandesi. L'ambasciata italiana, come tutte quelle straniere, sta ancora verificando la lista dei passeggeri.

IPOTESI TERRORISMO - Una strage su cui incombe l'ombra del terrorismo. Una fonte riferisce che vicino alla ferrovia è stata trovata una buca del diametro di un metro, e testimoni dicono di aver udito un’esplosione. Tutto ciò potrebbe indicare un attentato. La tv di Stato Vesti-24 ha mostrato anche immagini dei rottami di un auto, nelle vicinanze dei binari. La magistratura russa ha aperto un'inchiesta per far luce sulle cause del disastro, sulla base delle ipotesi di terrorismo e uso illegale di armi, come ordinato dal presidente russo Dmitri Medvedev. Già Il 13 agosto del 2007 il Nievski Express era deragliato a causa di un'esplosione, nella regione di Novgorod. Il bilancio fu di una trentina di feriti e anche in quel caso si parlò subito di possibile attentato terroristico. Ancora prima, nel 2005, una bomba artigianale a basso potenziale fu piazzata sui binari. Vicino al luogo dell’attentato fu anche ritrovato il congegno usato per attivare l’ordigno: era simile a quello rinvenuto nel giugno 2005 quando fu fatto esplodere un treno ceceno in viaggio da Grozny a Mosca, attentato per il quale sono stati condannati a 18 anni due nazionalisti russi.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©