Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Situazione delicata a Volgograd

Russia, doppio attentato: più di 30 i morti



Russia, doppio attentato: più di 30 i morti
30/12/2013, 09:52

MOSCA - Ancora un attentato, ancora morti in Russia: siamo nel sud del paese e i morti sono almeno 15 a causa di un'esplosione a bordo di un filobus nella città di Volgograd che conta circa un milione di abitanti, dista circa 690 chilometri da Sochi e si trova a due passi dal Caucaso settentrionale, in cui tutte le province musulmane sono coinvolte dall'insurrezione islamista.
Il nuovo attacco è avvenuto a poche ore da quello alla stazione dei treni che ha causato 17 morti. Il bilancio preliminare è stato confermato ai media dal portavoce del comitato d'inchiesta russo Vladimir Markine e dal ministero dell'Interno.
Sembra si tratti di un attentato da parte di terroristi islamici che vogliono tagliare le gambe alla strategia del rilancio di Putin che con le Olimpiadi invernali di Sochi puntava a ridare vigore alla figura del suo Paese. Una kamikaze di 26 anni, Oksana Aslanova, si è fatta esplodere ieri all'ingresso della stazione di Volgograd provocando la morte di almeno 17 persone e il ferimento di altre 40. E' stato il secondo attentato in pochi mesi nella città caucasica dopo quello del 21 ottobre che causò la morte di sette persone. Poi, stamattina, la nuova esplosione su un filobus con 15 vittime e molti feriti.

I sospetti sono sempre più insistenti e si teme che anche la nuova raffica di attentati sia stata ordita da Doku Umarov, il 'signore della guerra' ceceno che lotta per la secessione dalla Russia.

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©