Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Per la sicurezza della stessa donna.

Russia, leader Pussy Riot in cella isolamento


Russia, leader Pussy Riot in cella isolamento
24/09/2013, 11:27

MOSCA - La più nota attivista del gruppo femminista "Pussy Riot" Nadia Tolokonnikova, che sta scontando due anni di prigione in Mordovia, è stata trasferita in una cella di isolamento per questioni di sicurezza. La ragazza aveva denunciato di aver ricevuto minacce di morte da parte del servizio penitenziario del carcere lk-47. Iriba Jrunova, legale della ragazza, ha spiegato che il trasferimento "non e' conveniente, visto che i funzionari della prigione hanno accesso anche li'". Nadia aveva incominciato uno sciopero della fame per protestare contro le condizioni disumane del suo campo di lavoro in Mordovia, dove lei e altre detenute vengono picchiate da altre, o ricevono minacce di omicidio dai carcerieri.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©